Home
Su
Pulcinella
Gianduia
Colombina
Scaramuccia
Stenterello
Balanzone
Rugantino
Arlecchino
Giangurgolo
Tartaglia
Beppe Nappa
Meneghino
Meo Patacca
Brighella
Mezzettino
Pierrot
Pantalone
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nome di Giangurgolo, a chi lo sa decifrare, dice quale sia la sua caratteristica principale, quella che lo ha reso famoso e che lo distingue dalle altre maschere; la fame, l'ingordigia, l'avidità insaziabile di cibo che l'accompagna costantemente. Naturalmente é disposto a tutto pur di arraffare qualcosa con cui saziarsi, anche a costo di rubare, se gli capita l'occasione di non essere scorto da nessuno.  Poi é pronto a giurare di non aver visto o sentito niente, perché Giangurgolo oltre che bugiardo si rifiuta di affrontare qualsiasi responsabilità: tanta la fame, ma tantissima la paura. Un'altra caratteristica di questa maschera calabrese è quella del suo aspetto che certo non lo aiuta per niente e non può essere definito certo un bell'uomo. Piantato in mezzo ha un grosso naso deforme, la sua voce é stridula ed il suo modo di camminare é rigido e sgraziato. La simpatica maschera calabrese ha lasciato ormai da tempo i palcoscenici e la si può ritrovare solamente in qualche spettacolo dialettale di burattini.

 

 

 Fai felice Il Paese e scrivi un tuo commento se ti piace questo  sito o questa pagina
Questo sito é autofinanziato...fai crescere con il tuo sponsor il Paese.
   
Il Paese dei Bambini che sorridono" ©
Partita Iva02895640361
Tutti i diritti riservati agli autori stessi.
E' severamente proibito copiare testi e immagini.
I trasgressori saranno perseguiti legalmente.
Per contatti scrivere:   Franca