Home
Su
Natale lingue
Natale in Africa
Natale A. Latina
Natale in Asia
Natale Australia
Natale in Austria
Natale Balcani
Natale in Francia
Natale in Germania
Natale in G.Bretagna
Natale in Olanda
Natale in Messico
Natale Nord America
Natale in Polonia
Natale in Russia
Natale in Spagna
Natale in Svezia
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
I bambini francesi  mettono sul focolare scarpe o zoccoli perché  Gesù Bambino vi deponga i doni. Gli adulti si scambiano i doni a Capodanno. Terminato il cenone della vigilia, la tavola si lascia apparecchiata in previsione che passi di lì la Vergine Maria. Il pranzo di Natale è costituito da pollo arrosto, prosciutto al forno, insalate varie, dolce, frutta e vino. In Alsazia il posto d'onore é per l'oca. A Parigi invece si mangiano le ostriche ed una torta a forma di ceppo. Anche i francesi amano i presepi; ad Augagne si trovano figure di creta che chiamano "santons".
In Provenza, la culla dei trovatori, sono nati i famosi Noels dai quali derivano le varie pastorali. Famosa la delicata melodia che tutti conosciamo, del secolo XVIII, "Il est né le divin Enfant".In alcune città della Provenza, il maggiore dei figli correva nel campo e cominciava a dar colpi d'accetta all'albero più vecchio finché non cadeva; poi lo trascinava in cucina e lo consegnava al nonno, il quale lo bagnava con tre bicchieri di vino cotto e lo collocava accanto al focolare. Poi i nipotini si affacciavano alle finestre e gettavano monetine ai poveri; questi accendevano tanti lumicini per cercare le monete e per ringraziare "con una fiammella di luce". Altre usanze intramontabili nelle campagne francesi, sono il ceppo ed il falò. Il ceppo si accende per riscaldare Gesù Bambino e poiché ha questo compito importante, viene inghirlandato. In Borgogna si cantano inni di Natale persino nelle osterie, senza essere sguaiati; una di queste canzoni dice: "Bambini, venite. E' amabile Gesù. Egli vi sorride e dice: Giocate con me." In Bretagna il pasto della notte, in passato era frugalissimo, fatto di un panino e un bicchiere di acqua per essere più simili alla povera famiglia di Betlemme. In Alvernia, c'é il rito della chandelle, una grossa candela colorata che viene tirata fuori durante il cenone. Il più anziano segna la candela con una croce e la spegne, poi la passa a colui che gli sta accanto e così via. Una volta in un piccolo centro della Normandia, i pastori si sparpagliavano davanti alla chiesa; da un tetto illuminato spuntava una grossa stella fra fuochi e scoppi di bengala. Allora i pastori entravano in chiesa per adorare il Bambin Gesù. Nella regione di Carpentras, alla fine della cena natalizia, si trapianta in vaso una rosa di Gerico, perché su questa pianta la Madonna stendeva ad asciugare la biancheria di Gesù Bambino.
 A Parigi si preparano, accanto all'albero, i presepi; il personaggio che piace di più ai bambini francesi é il ravi, simpatico che ride portando la lanterna che gli serve per schiarire il sentiero che porta al presepe.
 Fai felice Il Paese e scrivi un tuo commento se ti piace questo sito o questa pagina
Questo sito é autofinanziato...fai crescere con il tuo sponsor il Paese.
   
Il Paese dei Bambini che sorridono" ©
Partita Iva02895640361
Tutti i diritti riservati agli autori stessi.
E' severamente proibito copiare testi e immagini.
I trasgressori saranno perseguiti legalmente.
Per contatti scrivere:  Franca