Home
Su
Atlantide
La storia di Troia
I tesori di Micene
Grandi Teste
Re Bambino dei Maya
La Chiocciola
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia di Troia, e della famosa guerra che la distrusse comincia tanto tempo fa, in un'epoca mitica, quando i capricci degli dei erano legge per tutti gli uomini. E comincia sull'Olimpo, il monte sacro degli antichi greci, pensate un po', con una mela. Una mela d'oro che Eris, dea della discordia, lancia durante un banchetto divino sulla tavola imbandita. Sopra ci sta scritto: "Alla più bella". Ma chi è la più bella? Subito nasce una zuffa tra Era, la potente moglie del re degli dei Zeus, Atena, dea della saggezza, e Afrodite, dea dell'amore.
Nessuno degli dei si sente di compiere la difficile scelta e così si decide di affidare il compito a un uomo: il bellissimo Paride, ultimo figlio di Priamo, re di Troia, una delle più ricche città dell' Asia Minore (l'odierna Turchia). Pur di essere prescelta, ogni dea promette al giovane un dono. Era gli assicura la ricchezza e la potenza, Atena la sapienza e l'invincibilità, Afrodite la donna più bella del mondo: Elena, la sposa del re di Sparta Menelao. Poco saggiamente, il vanitoso Paride dà la mela ad Afrodite. Poi va a Sparta, conosce Elena, se ne innamora e la porta con sé a Troia. Furioso, Menelao chiede la restituzione della sposa e, non ottenutala, chiama a raccolta tutti i greci per formare un grande esercito. È la guerra.
Una guerra lunga, che per 10 anni vede la città resistere con successo all' assedio finché Ulisse, l'astuto re di Itaca, non escogita un trucco: i greci devono far finta di partire lasciando dietro di sé, come dono degli dei, un grande cavallo di legno nel cui ventre cavo vengono nascosti dei guerrieri. Credendo ormai di aver vinto, i troiani abbandonano ogni prudenza e portano fra le mura il cavallo come un trofeo. Ma la notte, quando tutti dormono, i greci escono dal cavallo e aprono le porte della città ai compagni. Per Troia è la fine: i suoi abitanti sono uccisi senza pietà, i suoi templi e le sue case vengono rasi al suolo. Passa il tempo, la storia della guerra di Troia viene tramandata di bocca in bocca e diventa il tema di uno dei poemi epici più celebri che siano mai stati scritti: l' Iliade di Omero. Ma con il trascorrere dei secoli il suo vero ricordo si fa sempre più lontano: quando è successo tutto questo? E in che luogo? Gli antichi greci sapevano che sorgeva presso lo Stretto dei Dardanelli, ma dove esattamente?

Una città scomparsa nel nulla
Se sul" quando" quasi tutti gli studiosi si sono trovati abbastanza presto d'accordo (basandosi su varie testimonianze storiche si è fissata per la famosa guerra la data del 1250 avanti Cristo), il mistero di dove giacesse sepolta Troia ha resistito per secoli. Almeno fino al 1868, quando appare all' orizzonte un ricco uomo d'affari tedesco che fin da bambino sognava di scoprire la città perduta di Omero. Si chiama Heinrich Schliemann, è convinto che Troia si trovi nella Turchia nord occidentale e che i suoi resti vadano cercati in un luogo ben preciso: una modesta altura chiamata Hissarlik che sorge tra due fiumi e dista meno di 5 chilometri dal mare, proprio come si racconta nell'Iliade. Pieno di entusiasmo, Schliemann comincia a scavare e subito porta alla luce strati su strati di rovine. È un groviglio di muri d'ogni genere, appartenenti a epoche diverse che vanno dal 3000 avanti Cristo fino al sesto secolo della nostra era: non una sola città, dunque, ma (si calcolerà più tardi) ben nove. E allora, qual è la vera Troia? Schliemann cerca di dare una risposta all'enigma buttando all'aria mezza collina e finalmente sembra avere uno straordinario colpo di fortuna: nel 1873, dopo cinque anni di lavoro, trova un favoloso tesoro, quello che lui stesso battezza  "Tesoro di Priamo".
Comprende punte di lancia,vassoi e tazze di rame, d'argento e di bronzo ma soprattutto numerosi oggetti d'oro: bracciali, diademi, orecchini e una massa di migliaia di piccoli anellini. La scoperta rende celebre Heinrich: tutti vogliono conoscere ogni particolare della sua avventura e una foto della moglie Sophie che indossa i cosiddetti "gioielli di Elena" fa il giro del mondo. Ma ben presto sorgono i primi dubbi. Il livello a cui gli oggetti sono stati trovati sembra essere troppo profondo (e quindi troppo antico) per essere quello della "vera" Troia. Dunque Schliemann, per quanto abbia compiuto una scoperta davvero senza eguali, si è sbagliato. Così, dopo tanti anni passati a scavare con tanta fatica, abbandona la Turchia e si dedica ad altre avventure che faranno di lui il vero" padre" dell' archeologia. Saranno i suoi successori, sessant'anni dopo, a trovare lo strato giusto, quello del 1260 avanti Cristo: lo chiamano Troia VI, lo ripuliscono e lo studiano a fondo. È la sorpresa finale: la potente città cantata da Omero era in realtà piuttosto piccola. Oggi non ne possiamo vedere che pochi, modesti resti. Della passata gloria è rimasto solo il vento che, come racconta Omero, soffia più intenso che altrove tra la rada vegetazione della pianura, su fino alla collina di Hissarlik.
Fai felice Il Paese e scrivi un tuo commento se ti piace questo sito o questa pagina
Questo sito é autofinanziato...fai crescere con il tuo sponsor il Paese.
   
Il Paese dei Bambini che sorridono" ©
Partita Iva02895640361
Tutti i diritti riservati agli autori stessi.
E' severamente proibito copiare testi e immagini.
I trasgressori saranno perseguiti legalmente.
Per contatti scrivere:  Franca